La risposta pacifica di una piazza d'Italia a chi vuole negare i diritti di una società civile!

 svegliatitalia.jpg

La giornata di ieri, sabato 23 Gennaio 2016, è da ricordare. In tutta Italia almeno 1 milione di persone sono scese nelle maggiori piazze per rivendicare il minimo sindacabile in tema di diritti a favore delle unioni civili.
Anche nella nostra città la partecipazione è stata molto attiva. Secondo le stime della questura, almeno 5.000 partecipanti son giunti a Milano in piazza della Scala.
Mentre i detrattori di questa pacifica manifestazione l'hanno definita di chiaro stampo politico, chi vi ha preso parte è di tutt'altra idea.
Come associazione sportiva LGBT no profit desideriamo sottolineare un aspetto importante e assolutamente non politico. I diritti delle famiglie - definite "tradizionali" da alcuni politici e cattolici - non sono mai stati messi in discussione e mai lo saranno. In piazza chiediamo di proseguire con le approvazioni delle unioni civili. Quindi poter concedere dei diritti legittimi ad altre nuove famiglie, senza doverci per forza mettere sopra un'etichetta che definisca la famiglia di tipo omosessuale oppure eterosessuale. In questa ideologia non vi è nulla di politico.
Ribadiamo anche noi - come già fatto in piazza ieri alle ore 15:40 con le nostre sveglie sui cellulari -  SVEGLIATITALIA !