Una piccola rappresentanza del nostro gruppo era a Roma sabato 5 Marzo 2016

roma-5-marzo.jpg

Partita sabato mattina da Milano una piccola delegazione di "Pesciolini" diretta a Roma, insieme a tante associazioni LGBT e gente comune si è data appuntamento in Piazza del Popolo. Nel pomeriggio son seguiti i vari comizi con ospiti speciali tra le quali Emma Marrone e Paola Turci.
Una premessa fondamentale tra tante, ribadita dalla Presidente delle Famiglie Arcobaleno Marilena Grassodonia: «Siamo in piazza per rilanciare una battaglia di uguaglianza insieme alla società civile e all’Italia laica. Prendiamo quel poco che la politica ci ha concesso e auspichiamo che l’iter alla Camera si concluda rapidamente». Mette fine alle polemiche "Social" della scorsa settimana, per le quali si voleva vedere in piazza un popoli di "irriconoscenti" nei confronti della Legge Cirinnà. Legge che in realtà deve ancora subire l'approvazione della Camera dopo l'avvallo già avvenuto in Senato.
Una legge però depurata a tutti gli effetti dall'obbligo di fedeltà e dalle norme sulle adozioni. In particolare la rovente questione delle adozioni rischia di diventare un buco legislativo molto grave che in futuro potrebbe culminare nei ricorsi al Tribunale. Un  rallentamento davvero inutile per la giustizia italiana, del quale devono tenere conto i vari politici detrattori.
A proposito di questi, in piazza si è parlato anche di rispetto per la cittadinanza omosessuale, non solo davanti alla legge. Val la pena ricordarlo ad Alfano con la sua infelice dichiarazione dopo il passaggio della Legge Cirinnà alla Camera: "Abbiamo impedito una rivoluzione contro natura".
Inutile ricordare a questa parte della classe politica che le adozioni o le tutele dei bambini all'interno delle Famiglie Arcobaleno è qualcosa che in altre parti del Mondo è normale iter di legge. Solo da noi se ne discute ancora e si rischia di andare oltre il 2016. Se sarà necessario le associazioni saranno pronte ancora a scendere in piazza per alzare la voce!